Ray Ban A 19.90

Uniformandosi al ruolo per il quale è stato progettato e servendosi anche di un “reparto” di bambole Gwendi mutate in zombi, il Commando Elite del maggiore Chip Hazard muove guerra ai Gorgonauti di Arch Fiend, desideroso quest’ultimo soltanto di tornare nella sua misteriosa patria lontana, trasformando la casa di Alan e l’intero quartiere in un campo di battaglia.Small Soldiers è una divertente satira sulla manipolazione dei comportamenti della famiglia borghese americana nella moderna società consumistica, ma anche una denuncia delle varie forme di intolleranza nelle quali si maschera il fanatismo ideologico, e una demitizzazione dei retorici cliché verbali e gestuali del cinema d’azione e di guerra.Meno convincente di altre prove di Joe Dante perché ingabbiata in una trama narrativa più rigida del solito, è, comunque, una pellicola intelligente nella quale l’uso delle strabilianti tecnologie digitali della ILM è coerente e funzionale al racconto.Il film è impreziosito da numerose citazioni cinefile, esplicite o appena suggerite (La moglie di Frankenstein, Quella sporca dozzina, Patton il generale d’acciaio, Apocalypse Now, Gremlins), favolistiche (l’accenno alla terra dei Gorgonauti che esiste anche se non si vede è un rimando all'”isola che non c’è” di Peter Pan) e da puntuali accenni all’onnipresenza dell’informatica, trattati con lodevole senso della misura.Gli Small Soldiers, vere star del film, sono stati progettati dal team di Mark McCreery e John Rosengrant, ad eccezione del maggiore Chip Hazard che è stato disegnato dalla Hasbro Toys, creatrice dell’indimenticato pupazzo snodabile GI Joe che affrettò il tramonto dei gloriosi soldatini di piombo, di gesso e di plastica degli anni ’50.L’ex capitano dei Marines Dale Dye consulente in pellicole come Platoon, Nato il quattro luglio e JFK ha collaborato con gli sceneggiatori nella pianificazione della tattica militare del Commando Elite.Il direttore della fotografia Jamie Anderson per realizzare riprese credibili secondo l’ottica dei soldati in miniatura si è servito della “RadCam”, una piccola cinepresa montata su minuscole ruote e radiocomandata.Il film è dedicato all’attore Phil Hartman che interpreta un odioso vicino di casa degli Abernathy tragicamente scomparso poco dopo la conclusione delle riprese.Come nelle favole, come nelle coreografie di Marius Petipa per il balletto di Ciajkovskij Lo schiaccianoci, come in tanti film quali Toy Story di John Lasseter: scende l’oscurità, cala la notte, e i giocattoli prendono vita, parlano, si muovono. Ma sono giocattoli del Duemila, chiamarli soldatini (Small Soldiers) sembra ridicolo. Sono ceffi superaddestrati e superarmati, aggressivi, violenti e distruttori, animati con un sistema studiato per l’esercito: un commando di culturisti appartenenti ai corpi speciali il cui slogan è “Sarà battaglia senza pietà”..