Ray Ban Modello Goccia

Quella umida delle valli padane e quella tossica dei lacrimogeni. Tutto il resto definito, rosso o nero. Poi ci sono i bianchi, ma quelli restano negli oratori e non si sporcano le mani. Il volto e lo sguardo di James Rebhorn continuano a essere quelli di un uomo duro e infame in telefilm come L’incredibile Michael (2000), The Practice Professione avvocati (2001), Camelot Squadra emergenze (1999 2002), Comanche Moon (2008) e Boston Legal (2008). Similmente accadrà nei film: Le avventure di Rocky e Bullwinkle (2000) e Ti presento i miei (2000) con Robert De Niro, Scotland, Pa. (2001) con Walken, Pluto Nash (2002) con Eddie Murphy, Lontano dal paradiso (2002), Ritorno a Cold Mountain (2003) con Nicole Kidman, Bernard and Doris (2007) con la Sarandon, Baby Mama (2008) con Sigourney Weaver, The International (2009) e The Box (2009) con Cameron Diaz.

I campioni del 2013 non si discutono, quindi. Ma la fine dell permette anche di guardarsi indietro e valutare cosa ci siamo persi e vale la pena recuperare: dai giochi passati sotto il radar, a quelli un po sgangherati ma interessanti, fino ai quasi blockbuster che hanno guadagnato punti extra con il passare del tempo, rivelandosi a posteriori fra le cose migliori di questi mesi. Ecco allora 10 tra i ripescaggi e le seconde occasioni più stimolanti del 2013..

Ack, giornalista inglese di successo vede morire moglie e due figlie durante un dirottamento, salva il bimbo più piccolo. I terroristi, serbi, sono catturati, ma misteriosamente subito rilasciati. Jack è furibondo, vuole giustizia. But in Himandhoo Sharia law is, if possible, even harsher than that. In the name of true Islam, of Islam as it was practised at the time of the Prophet, here even music is banned. Even though at the time of the Prophet, the Maldives were actually Buddhist.

Ma non tutto. Nello stesso post l’autore di ‘Gomorra’ lancia anche un messaggio ai suoi detrattori, “pronti a vomitare bile” per l’ennesima polemica sulla scorta. “Quando nel 2011 andai in America spiega , in Italia al governo c’era Berlusconi con la Lega, e gli attacchi che ricevevo quotidianamente dall’uno e dall’altra attraverso ogni mezzo (dai quotidiani ai telegiornali) mi portarono a lasciare l’Italia per l’unico Paese che poteva accogliermi in una situazione di relativa libert senza obbligarmi a una scorta pi numerosa di quella che avevo (e ho) in Italia e dove avevo trovato lavoro.”..

Ma c’è un altra sfida interna al progetto del film ed è tutta sulle spalle di Emma Watson. Suo è il compito di incarnare Mae Holland, vittima e carnefice, emblema di un cancro che non ha più le fattezze fredde del Grande Fratello orwelliano ma la sua bella e giovane presenza. La carriera stessa della Watson, che si è ritrovata ancora bambina al centro di un fenomeno di curiosità di massa, quale la saga cinematografica di Harry Potter, con quel che ha comportato per lei in termini di esperienza di visibilità, pubblicità e perché no fanatismo, e le sue scelte successive, tutte volte a staccarsi da quel blocco di partenza, correndo anche verso un cinema molto differente, spesso autoriale o pseudo tale, potrebbe aleggiare come un fantasma più o meno consapevole attorno al suo personaggio in questo film.